Lo sguardo rivolto dentro di sé e dentro gli altri: l’enfasi del brutto e la sua celebrazione. L’estetica travestita, l’indistinto, la tensione: i colori diventano penetranti, le linee spezzate, la forma ricercata appare deteriorata e decontestualizzata.

La sperimentazione di immagini sgradevoli, l’alterazione del colore in base allo stato d’animo.

La ricerca della verità. L’esasperazione del lato emotivo della realtà.

Ovvero l’Espressionismo come ricerca di sé , del proprio interiore e dell’altrui. L’ arte dell’anima che attraversa percorsi foschi, cupi e squarciati.
L’arte diventa sperimentazione, percorso della psiche, analisi psicologica.